Educazione finanziaria, assicurativa e tecnologica del cittadino, strumenti indispensabili della transizione. Se ne è discusso oggi nel corso della web conference con le Authority finanziarie e assicurative dal titolo “IL PNRR DALLA PARTE DEI CONSUMATORI: Consumers’ Forum ne discute con Banca d’Italia, Consob e Ivass”, organizzato da Consumers’ Forum, associazione indipendente composta da Associazioni di Consumatori, Istituzioni, numerose Imprese Industriali e di servizi e loro Associazioni di categoria.

Il Ceo di BlackRock, Larry Fink, entra a gamba tesa contro l'ambientalismo "politicamente corretto" e ricorda che a suo avviso la finanza è sostenibile, in primo luogo, se genera profitti. E su questo metro andrà valutata la transizione green.

Il libro di Bassan.  Le grandi piattaforme vanno considerate come veri ordinamenti giuridici. Alcuni vincoli gli Stati (e l’Unione Europea) possono imporli. Altri invece li devono accettare: a volte sono state le aziende a dettare le norme. Altri infine li possono negoziare. L’obiettivo, più che adottare normative antitrust già superate, è definire quali vincoli rientrano in quali categorie.

Le analisi di due esperti di antitrust: Fabio Bassan (Università Roma Tre): "Queste sanzioni non ostacolo l’innovazione, ma tutelano il mercato, che persegue il progresso” e Tommaso Valletti (Imperial College London): "AGCM protegge la competizione, con benefici per consumatori”.

Il filosofo di Internet: "L’autoregolamentazione, come strategia principale per risolvere i problemi posti dal digitale, si è conclusa. Va ripensata in termini di etica soft"

‘Il Pnrr dalla parte dei consumatori’ è il titolo della sedicesima edizione dell’incontro con le Authority italiane organizzato da Consumers’ Forum.

Per il sedicesimo anno Consumers’ Forum organizza l'appuntamento con le maggiori Authority italiane per fare il punto sulle nuove sfide per i mercati e sulle nuove tutele per i consumatori in tempi di pandemia e per presentare la ricerca “CONSUMERISM 2021”, svolta da Consumers’ Forum in collaborazione con Università Roma Tre, dal titolo "Il PNRR dalla parte dei consumatori.”
 

Studio del Parlamento Ue: tecnologie sempre più pervasive, sviluppo va fondato sull’etica e sulle persone.  L’applicazione delle tecnologie di intelligenza artificiale (AI) allo sviluppo delle cosiddette “smart cities” (o “città intelligenti) può comportare seri rischi, sia per i singoli individui che per i delicati equilibri di coesione territoriale. Un vero e proprio divario potrebbe crearsi, in termini di sviluppo e opportunità sociali ed economiche, tra singole zone delle città, tra città e contesto extra-urbano e fra le varie città di un dato territorio. E’ quanto evidenzia il recente studio “Artificial Intelligence and Urban Development” commissionato dal Parlamento europeo (https://research4committees.blog/2021/09/08/artificial-intelligence-and-urban-development).

Vestager: “Batterò le big tech. In arrivo nuove regole” . Il Commissario alla Concorrenza Vestager a MF-Milano Finanza: così batterò i monopoli. In arrivo nuove regole per Amazon, Apple, Facebook, Google e Microsoft. Con i prossimi regolamenti europei, annuncia la vicepresidente della Commissione Ue, più scelta per i consumatori, a cominciare dagli App Store.

DIALOGO APERTO
LA NEWSLETTER
Archivio