cittadini europaIl progetto LADDER (http://www.ladder-project.eu/), di cui è partner il CIME (Consiglio italiano Movimento Europeo), di cui è membro Consumers' Forum, prevede al suo interno un’iniziativa denominata “Citizen Journalists Initiative”, volta a creare un network di “cittadini giornalisti” provenienti da tutta Europa e dal vicinato europeo, interessati a partecipare, non professionalmente, ad attività giornalistiche riguardanti temi globali quali: l’inclusione dei migranti, i diritti umani, lo sviluppo, lo sradicamento della povertà, la partecipazione dei cittadini, l’impegno giovanile, la solidarietà, i diritti delle donne e il multiculturalismo.

AsvisRoma, 30 maggio 2016- Accademia delle Belle Arti - Via di Ripetta, 222
Il 25 settembre del 2015, con la firma dell’Agenda 2030, l’Italia, al pari degli altri paesi dell’ONU, si è impegnata a raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Si tratta di una sfida straordinaria, da cui dipende non solo il futuro delle prossime generazioni, ma anche la qualità della vita di quelle presenti. Crescita economica e piena occupazione, tutela dell’ambiente e lotta al cambiamento climatico, eliminazione dei divari di genere, della povertà e delle diseguaglianze, educazione di qualità: questi sono solo alcuni dei 17 obiettivi, declinati in 169 sotto-obiettivi specifici, che definiscono un programma di medio termine alla cui attuazione devono contribuire tutte le componenti della società. L’universalità dell’Agenda, una delle sue caratteristiche fondamentali e maggiormente innovative, impone un cambiamento di mentalità e di comportamenti da parte della politica, delle imprese, dei cittadini, dei media.

europa3La festa dell'Europa (9 maggio) celebra la pace e l'unità in Europa. La data è l'anniversario della storica dichiarazione di Schuman. In occasione di un discorso a Parigi, nel 1950, l'allora ministro degli Esteri francese Robert Schuman ha esposto la sua idea di una nuova forma di cooperazione politica per l'Europa, che avrebbe reso impensabile una guerra tra le nazioni europee.

AsvisCittà più inclusive, sicure, durature e sostenibili e sindaci che guardino al futuro per rendere lo sviluppo del territorio sostenibile dal punto di vista ambientale, economico, sociale e istituzionale. Lo chiedono l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) e l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) in una lettera-appello diffusa oggi in cui invitano i candidati sindaci dei 1.368 comuni che concorreranno alle amministrative di giugno a inserire nei programmi elettorali l’impegno a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

AsvisIl Ministro Galletti: “Lo Sviluppo Sostenibile non riguarda solo l’ambiente: è un’occasione per incidere sui processi economici e adeguarli alle sfide presenti e future”.  Il portavoce dell’ASviS, Enrico Giovannini: “L’Alleanza offre al Governo il proprio contributo per la Strategia Italiana. Le prime proposte sono da oggi sul tavolo del Ministro” .

costi telefoniaHave your say on fixed and mobile termination rates. The European Commission has opened a public consultation on the Evaluation of the Termination Rates Recommendation (TRR) of 2009, as part of the European Commission's Digital Single Market (DSM) Strategy. The regulation of fixed and mobile termination rates plays an important role in delivering competitive telecommunication services to European consumers. Termination rates are the rates that telecoms operators charge each other to deliver calls between networks.

Benefit CorporationLa legge di Stabilità per il 2016 ha portato in dote una nuova forma giuridica d’impresa, la società a beneficio comune, o Benefit Corporation (B-Corp) nella dizione anglosassone, più usata in quanto la formula è dichiaratamente di derivazione americana. Con un nucleo di stringate disposizioni (commi 376 e seguenti) il legislatore ha inteso favorire la costituzione e la diffusione nel nostro ordinamento di società che operino sia con finalità di lucro, sia a vantaggio di persone, comunità, territori e ambiente.

rinnovabiliGiro affari da 143,6 mld in 2014 nei 28, 16 mld nel Belpaese.  Il settore delle energie rinnovabili nell'Unione europea si mantiene oltre il tetto di un milione di occupati, con un giro d'affari di circa 143,6 miliardi di euro. A mettere nero su bianco gli ultimi dati del 2014 è il nuovo rapporto pubblicato da EurObserv'ER, che effettua il monitoraggio dei trend delle energie verdi nell'Unione europea. Secondo il documento, l'Italia con 82.500 occupati si piazza al quarto posto fra i Paesi Ue con la maggiore quota di posti di lavoro legati al settore delle rinnovabili dopo Germania (347.400), Francia (169.630) e Gran Bretagna (92.850), prima della Spagna (60.950), Svezia (50.350) e Danimarca (40.900).

supplychainmanagementOn Thursday 11 February, 17:00 in a webinar by CREATe.org, the European Commission will present its new initiative on the integrity of supply chains as a means to protect intellectual property. You will find below further information about the webinar and the registration https://lnkd.in/evjHxm8  

trenitaliaRoma, 3 dicembre 2015 - Centro Congressi Hotel Palatino, via Cavour 213. h 9,30 "La Conciliazione Paritetica di Trenitalia dal 2009 al DL 130/2015"

Introduzione Marco Mancini, Rapporti con le Associazioni - Gruppo FS

"Rapporto sull’attività di Conciliazione Paritetica 2015 e sua evoluzione"

DIALOGO APERTO
LA NEWSLETTER
Archivio