L’impegno dell’Europa per fermare la contraffazione arriva oltreconfine

Anche l’Agenzia Italiana del Farmaco farà parte di un progetto finanziato dall’Unione europea per contrastare la produzione e il traffico di farmaci contraffatti. Il progetto si chiama “Contrastare in modo efficace la produzione e il traffico di farmaci contraffatti” e metterà in atto misure di intervento specifiche in Paesi identificati come particolarmente a rischio dal punto di vista della contraffazione farmaceutica.
I medicinali falsi rappresentano infatti un serio pericolo per la salute, perché contengono ingredienti di scarsa qualità, in quantità diversa da quella dichiarata, o sostanze tossiche: purtroppo il fenomeno è diffuso a livello globale ed ha un’incidenza significativa in alcuni paesi in via di sviluppo.
Nei prossimi 3 anni le autorità di alcuni paesi - fra i quali Camerun, Ghana, Giordania, Marocco, Senegal - verranno supportate da esperti provenienti dall’Unione europea per migliorare norme, capacità di intercettare e analizzare i farmaci sospetti, aumentare l’efficienza del sistema giudiziario e le indagini contro i network criminali responsabili di produzione e traffico di farmaci falsi. Verrà inoltre perfezionata la collaborazione transfrontaliera attraverso la creazione di una rete di punti di riferimento e verranno realizzate campagne di comunicazione sui rischi legati all’assunzione di medicinali falsi. Il consorzio che gestirà le attività del progetto è guidato da CIVI.POL (Organismo incaricato dal Ministero degli Interni francese) e include, oltre all’Agenzia Italiana del Farmaco, ADETEF (Agenzia pubblica francese per la Cooperazione Tecnica per i Ministeri Economici e Finanziari) e DCI (Direttorato per la Cooperazione delle Forze di Polizia e Ministero degli Interni francese). In particolare, l’Aifa si occuperà di realizzare una pubblicazione con indicazioni utili ai funzionari che lavorano nella prevenzione e nel contrasto della contraffazione farmaceutica e progetterà iniziative di formazione legate ai diversi tipi di farmaci falsi, ai pericoli per la salute, all’analisi delle segnalazioni di casi sospetti nell’Unione europea.


Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.