L'Italia è tra i fanalini di coda dell'Ue per l'e-commerce.

e commerce copyE' quanto emerge dagli ultimi dati Eurostat per il 2016. A fronte del 72% di imprese italiane con un sito internet, infatti, solo il 10% fa le vendite online, ossia la quarta percentuale più bassa di tutti i 28 stati membri. A fare peggio solo Romania (7%), Bulgaria e Polonia (9%), mentre la Lettonia è allo stesso livello dell'Italia (10%). Le imprese che usano di più il web come mezzo di vendita dei loro prodotti sono l'Irlanda (26%), la Svezia (25%) e la Danimarca (24%), a cui seguono Olanda (22%) e Belgio (21%).

La maggior parte delle vendite online, però, avviene all'interno del proprio Paese (media Ue del 97%), e in Italia la percentuale arriva sino al 98%. Quanto alle vendite online al di fuori dell'Italia, il 55% è effettuato verso altri Paesi Ue, mentre il 35% verso Paesi extra-Ue.

www.ansa.it 

Seguici su: facebook twitter youtube linkedin flickr

Prossimo Evento

il cittadino nell era dell algoritmo

 

ASVIS

 

Ultimi Eventi

La corretta informazione …

Roma, giovedì 31 maggio 2018 – Ore 10.00/13.0...

Dalla sharing alla social…

 CON LA MEDAGLIA DEL PRESIDENTE D...

AGENDA ONU 2030 La Sosten…

Roma - martedì 30 maggio 2017 - h 9,30...

ciriesco new

consumer right banner it-180x150

investi-responsabilmente



Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.