Ue, aumenta commercio online, ma restano barriere tra Stati Commercianti scoraggiati a vendere in altri Paesi

commercio on lineSempre più europei acquistano online perché la loro fiducia nel commercio elettronico, anche quello transfrontaliero, è aumentata. Ma i commercianti al dettaglio sono ancora restii a espandere le loro attività a consumatori in altri Paesi Ue, temendo il mancato pagamento e le diverse normative fiscali, contrattuali di tutela dei consumatori. E' quanto emerge dall'ultima valutazione della Commissione Ue sulle condizioni per i consumatori che in generale siano migliorate, ma variano ancora "notevolmente", da Paese a Paese, i livelli di fiducia, conoscenza e tutela.

L'analisi indica che in dieci anni la percentuale di cittadini europei che acquista online è quasi raddoppiata (passando dal 29,7% nel 2007 al 55% nel 2017). Dall'ultima valutazione (2014) i livelli di fiducia dei consumatori sono aumentati del 12% per gli acquisti da dettaglianti situati nello stesso Paese e del 21% per gli acquisti da altri Stati membri.

Ma i consumatori incontrano ancora ostacoli quando tentano di acquistare online da dettaglianti esteri. Ad esempio, il 13% degli intervistati ha dichiarato che il pagamento è stato loro rifiutato e il 10% ha dichiarato che è stata loro negata la consegna dei prodotti nel loro Paese. 

www.ansa.it 

Seguici su: facebook twitter youtube linkedin flickr

 

alleanza italiana sviluppo sostenibile logo festival

 

Ultimi Eventi

AGENDA ONU 2030 La Sosten…

Roma - martedì 30 maggio 2017 - h 9,30...

Authority e Consumatori. …

Roma giovedì 17 novembre 2016h 10.00...

Authority: quale rapporto…

Roma 19 novembre 2015h 10.00 – 13.00 &n...

ciriesco new

consumer right banner it-180x150

investi-responsabilmente



Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.