MEZZI PUBBLICI PER COMBATTERE LO SMOG

Roncucci Asstra copyRoncucci: In Italia battaglia giusta è investire in infrastrutture di trasporto pubblico.  La proposta tedesca di rendere gratuito il trasporto pubblico nelle zone ad alto inquinamento atmosferico va valutata con attenzione e serietà. Certamente il futuro è già scritto: le sfide demografiche, economiche, sociali e ambientali dell’urbanizzazione globale si vincono solo con una risposta integrata di mobilità sostenibile, centrata sul trasporto pubblico a bassissimo impatto ambientale, sempre più green e intelligente.

A parlare è Massimo Roncucci, il presidente dell’Asstra, l’associazione che rappresenta la maggior parte delle imprese di trasporto pubblico locale in Italia.

Tuttavia pensare di applicare la formula tedesca al nostro paese, anche solo a titolo sperimentale ed in alcune città come forse faranno in Germania, sarebbe come pensare di curare un braccio ferito con l’aspirina. Il problema prioritario del nostro sistema di trasporto pubblico è, infatti, il gap infrastrutturale che ci vede fanalini di coda rispetto ai maggiori paesi europei e con un parco autobus tra i più vecchi. Inoltre, da noi il problema non è il costo del biglietto, tra i più bassi in Europa. Le indagini sui comportamenti di mobilità degli italiani che facciamo ogni anno con Isfort mettono in evidenza la disponibilità delle persone a pagare anche di più il prezzo attuale dei mezzi pubblici. In cambio, però, tutti chiedono maggiore qualità e quantità di servizi. Perché se si pensa di arrivare col biglietto gratis a spostare una quantità di utenza dal trasporto privato/automobile tale da fare la differenza sui livelli di inquinamento urbano, a monte bisognerebbe essere sicuri di proporre ai cittadini un sistema infrastrutturale in grado di reggere l’impatto di un trasferimento modale epocale.

L’obiettivo è giusto, sottolinea Roncucci, ma il mezzo per raggiungerlo non credo possa essere la scorciatoia della gratuità.

Noi siamo convinti, invece, conclude Roncucci, che la risposta strutturale per i danni recati alle aree urbane da traffico e inquinamento sia lo sviluppo del trasporto pubblico. Per questo bisogna continuare sulla strada tracciata col programma “Connettere l’Italia” che ha pianificato risorse ingenti a sostegno del trasporto pubblico fino al 2033. Una strada non solo da seguire ma da implementare e coordinare con i piani dei comuni per la mobilità sostenibile, perché non solo ci vogliono infrastrutture, mezzi pubblici ad alta prestazione di servizio e non inquinanti ma anche corsie preferenziali e pianificazione urbana organica e integrata con l’offerta del servizio.

www.asstra.it 

Seguici su: facebook twitter youtube linkedin flickr

 

ASVIS

 

Ultimi Eventi

La corretta informazione …

Roma, giovedì 31 maggio 2018 – Ore 10.00/13.0...

Dalla sharing alla social…

 CON LA MEDAGLIA DEL PRESIDENTE D...

AGENDA ONU 2030 La Sosten…

Roma - martedì 30 maggio 2017 - h 9,30...

ciriesco new

consumer right banner it-180x150

investi-responsabilmente



Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.