Trasporti, dall’UE 7,6 miliardi destinati a progetti sostenibili

La Commissione europea ha avviato un’importante iniziativa per stimolare gli investimenti in Europa in dicendo il secondo invito a presentare proposte del Meccanismo per collegare l’Europa (Connecting Europe Facility – CEF) con una dotazione di più di 7,6 miliardi di euro destinati a finanziare progetti chiave nel campo dei trasporti. 6,5 miliardi di euro sono destinati a progetti negli Stati membri ammissibili a fruire del Fondo di coesione dell’UE, per meglio integrare questi paesi nel mercato interno. Unitamente al Piano di investimenti presentato dalla Commissione nel novembre 2014 – e in particolare al nuovo Fondo eu ropeo per gli investimenti strategici (FEIS) – il CEF in tende ovviare alla mancanza d’investimenti in Europa in modo da dare un forte impulso alla crescita e alla creazione di posti di lavoro, aspetti che costituiscono una priorità per il Presidente Jean-Claude Juncker.

Jyrki Katainen, Commissario all’Occupazione, la cre scita, gli investimenti e la competitività, ha affermato: “Un uso ottimale degli strumenti del Meccanismo per collegare l’Europa è parte integrante del piano di investimenti della Commissione. Incoraggio i promotori di progetti ad avvalersi del nuovo Polo europeo di consulenza sugli investimenti (Advisory Hub) per ottenere consigli su come elaborare in modo ottimale i progetti per presentarli al portale che verrà inaugu rato a gennaio.”

Violeta Bulc, Commissaria ai Trasporti, ha aggiunto: “Un sistema di trasporti efficiente, intelligente e sostenibile è essenziale per mantenere la competitività dell’Europa. Con questo nuovo invito del CEF a pre sentare proposte non intendiamo soltanto individuare progetti per valorizzare le vie d’acqua o i trasporti su rotaia, ma anche creare posti di lavoro e promuovere la crescita. L’attenzione riservata ai paesi che ri entrano nella politica di coesione rispecchia la nostra disponibilità a meglio collegare l’Europa e a passare ad un mercato interno più approfondito.”

Per assicurare le sinergie con altre priorità della Commissione, come il mercato unico digitale, l’invito a presentare proposte di quest’anno riserva un’attenzione particolare ai trasporti innovativi. Nell’ambito della dotazione generale (1,1 miliardi di euro disponibili per tutti il 28 Stati membri), i progetti che si inten dono patrocinare comprendono sistemi intelligenti di trasporto o sistemi di gestione del traffico come ERTMS (rotaia), SESAR (trasporti aerei) o RIS (vie d’acqua). La dotazione “coesione” (6,5 miliardi di euro, messa a disposizione di 15 Stati membri) aggiungerà a queste priorità progetti chiave nel campo delle infrastrutture relativi a modalità di trasporto sostenibili come il trasporto su rotaia e per le vie d’acqua interne. Ciò è parte integrante della priorità che la Commissione attribuisce alla creazione di un’Unione dell’energia che vada di pari passo con una politica climatica lungimirante. Il sostegno sarà concesso in base a concorso e si configurerà in un cofinanziamento comunitario a seguito di una valutazione attenta e di un processo di selezione rigoroso. I candidati hanno tempo fino al 16 febbraio 2016 per presentare le loro proposte. I risultati verranno pubblicati entro l’estate 2016.


Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.